Intervista a Nicoletta Polliotto

Advisory Board | Food & Wine Tourism

Nicoletta Polliotto – Founder Muse comunicazione e autore Hoepli

In tre righe, dal tuo punto di vista e per quello che hai compreso ad oggi, quali le principali novità che immagini potrebbero essere presentate a BTO11? Insomma, un invito per il pubblico a partecipare.
L’argomento dell’edizione 2019 si sintetizza con un’etichetta “Smart”, cui si aggiunge il claim “Right Here, Right Now!”
Lo spirito di BTO è chiaro e trasparente. Rinnovarsi costantemente è l’ingrediente segreto di ogni ricetta di successo per le imprese del settore dell’accoglienza. Forse è l’unica via percorribile. BTO, con il suo percorso sempre rinnovato e innovativo, ne è un ottimo esempio.

Nel tuo gruppo di lavoro, di cosa ti stai occupando nello specifico?
Un volta individuato il target “ristoratori”, che è anche la mia audience da circa un decennio, sto proponendo qualche percorso che unisca – con un approccio olistico – territorio, accoglienza alberghiera, extra-alberghiera e ristorativa. E ne stanno uscendo delle belle!

Destination, Digital Strategy, Food and Wine Tourism e Hospitality, i principali topic di BTO11. Il tuo contributo andrà a confluire nel palinsesto scientifico. Il tema di sfondo è SMART, ci aiuti a declinarlo dal tuo punto di vista e sul tema di cui ti stai occupando?
Per abbracciare il futuro e per innovare la nostra accoglienza italiana, affinché ne crescano risultati e rilievo in termini occupazionali ed economici, occorre cavalcare un cambiamento incalzante e dal ritmo sostenuto. Per governare rapidi flussi occorrono snelle strategie e visioni, conoscenze rinnovate ma anche punti di riferimento e obiettivi chiari. Si può crescere alimentando le capacità analitiche e progettuali negli operatori di settore e fornendo una fonte solida di approvvigionamento formativo e informativo. That’s SMART!

Hai altro da dirci?
Non mancate a BTO 2019: ne stiamo preparando di tutti i colori e per tutti i gusti!